ASSOGESSO Associazione dei Produttori Italiani di Gesso

  • Home
  • Contatti

Partizioni interne


Le pareti divisorie (o partizioni interne) realizzate in lastre di gesso rivestito possono presentare svariate configurazioni caratterizzate da prestazioni differenti a seconda delle esigenze progettuali richieste. Nel linguaggio comune le pareti divisorie vengono anche definite “pareti leggere” per il peso ridotto rispetto a quello di pareti tradizionali in muratura di equivalenti prestazioni.

Pareti a singola ordituraParete a singola orditura e doppia lastra
Pareti a doppia ordituraParete a doppia orditura a 5 lastre

Le pareti divisorie devono essere dimensionate, in termini di numero e spessore delle lastre, tipologia e interasse dei profili (guide e montanti), in funzione della destinazione d’uso dell’edificio e nello specifico dei locali e delle sollecitazioni meccaniche cui sono soggette. Il dimensionamento deve tenere conto di:

  • altezza;
  • sovraccarichi orizzontali;
  • azioni sismiche;
  • eventuali azioni dovute al vento.

In ambienti non soggetti ad affollamento e per pareti di altezza massima fino a 6,00 m, si può fare riferimento alle tipologie indicate nei prospetti della norma UNI 11424 o nella documentazione tecnica dei produttori; in ambienti invece soggetti ad affollamento o per pareti divisorie a grande altezza è opportuno fare riferimento alle soluzioni studiate dai produttori nonché ricorrere a una verifica progettuale di stabilità meccanica, nel rispetto dei provvedimenti legislativi vigenti.

Il numero e lo spessore delle lastre nonché la configurazione dell’orditura metallica devono comunque essere scelti in funzione delle prestazioni richieste (resistenza alle sollecitazioni previste, isolamento termo-acustico, protezione dal fuoco, ecc.). Per aumentare la resistenza meccanica del sistema si può intervenire aumentando lo spessore della lamiera dei montanti (e talvolta delle guide), diminuendo l’interasse degli stessi o in caso di grandi altezze, realizzando orditure parallele legate con bande di lastre o metalliche, avvitate ai montanti.

L’impiego di sistemi a secco in lastre di cartongesso offre il vantaggio dell’integrabilità impiantistica nell’intercapedine della parete che può essere attraversata da impianti elettrici, termici, idrici, telefonia, ecc. Particolari tipologie di lastre e orditure metalliche consentono inoltre l’aggancio diretto di carichi sospesi (caloriferi, sanitari, mensole, ecc.) mediante impiego di idonei fissaggi o di appositi supporti da collocare in intercapedine tra i montanti.

Guarda i video su come costruire una parete e una controparete

Peculiarità esclusiva dei sistemi a secco è la flessibilità: le pareti divisorie possono essere modificate in tempi molto ridotti e con minimi disagi di cantiere (polvere, rumore, macerie pressoché inesistenti) in caso di mutate esigenze d’uso o funzionali degli ambienti. In particolare l’impiego di bande resilienti adesive sotto le guide a pavimento consente di realizzare preventivamente e in continuità le pavimentazioni e successivamente le pareti senza rischiare, in caso di eventuali ristrutturazioni con ridistribuzione degli spazi interni, di trovare dislivelli di quota o fori dei tasselli utilizzati per il fissaggio delle guide.

La parete divisoria si completa infine con la stuccatura dei giunti tra le lastre e la finitura superficiale secondo il livello di qualità previsto in sede progettuale o contrattuale.

Posa orditura metallica
Posa orditura metallica
Posa lastra
Posa lastra
Fissaggio prima lastra
Fissaggio prima lastra
Lastra curva
Posa lastra curva
Posa seconda lastra
Posa seconda lastra
Fissaggio seconda lastraFissaggio seconda lastra
Realizzazione vano portaRealizzazione vano porta
Esempio orditura parete a grande altezzaEsempio orditura parete a grande altezza
Fissaggio lastre su parete a grande altezzaFissaggio lastre su parete a grande altezza
Fasi di stuccatura del giuntoFasi di stuccatura del giunto
Fasi di stuccatura del giunto
Fasi di stuccatura del giunto
Esempio di realizzazione con sistema a seccoEsempio di realizzazione con sistema a secco

 

Stampa